L’Italia che non ti aspetti

scritto da Roberta

L’Italia è un paese ricco di meraviglie naturali, storia, arte e specialità gastronomiche amato e visitato da turisti provenienti da ogni dove. Abbiamo la fortuna di vivere nel paese più bello del mondo e questo è il momento giusto per tornare a scoprirlo davvero (e aiutarlo a rinascere). Oltre i luoghi più famose, ci sono altri meno conosciuti ma altrettanto incantevoli, a tratti magici, quindi ho deciso di stilare una lista delle mete “nascoste” nel bel paese, un po’ come perle in fondo all’oceano.

Lago di Resia

Situato in una delle zone più belle e tranquille dell’Alto Adige, questo lago alpino artificiale si contraddistingue per la presenza di un campanile romanico del XVI secolo che emerge dalle profondità del lago, unica traccia visibile dell’ormai sommerso borgo di Curon, distrutto e ricostruito più a monte. Un luogo incantevole, dove sembra che il tempo si sia fermato.

San Fruttuoso di Camogli e il Cristo degli Abissi

Chi non ha sentito nominare almeno una volta Portofino, meta rinomata per il turismo VIP? Non tutti sanno però che percorrendo i sentieri che attraversano il Parco regionale del Monte di Portofino (il Sentiero delle Batterie, che attraversa un complesso di bunker a picco sul mare edificato a difesa della linea costiera, è considerato tra i più belli della Liguria) è possibile raggiungere la splendida, piccola baia dove sorge l’Abbazia di San Fruttuoso di Camogli. Circondata dalla lussureggiante macchia mediterranea, nelle acque di questo luogo mistico giace il Cristo degli Abissi, un’impressionante statua eretta a memoria di coloro che hanno dedicato la loro vita al mare. Potrai ammirarlo facendo immersione in questi fondali.

Cingoli

Se i paesaggi sono la tua passione e nulla ti emoziona di più di un bellissimo orizzonte, allora Cingoli è la destinazione perfetta. Questo splendido borgo arroccato su una collina in provincia di Macerata è conosciuto anche come il “Balcone delle Marche” e offre una vista panoramica mozzafiato. Passeggia per il centro storico e poi recati presso la terrazza situata sulle mura castellane per godere del panorama del territorio marchigiano, dell’Adriatico e del monte Conero: al tramonto, quando gli altri paesi sono ormai al buio, Cingoli è ancora illuminata dal sole.

Il giardino dei tarocchi

Sicuramente avrai sentito nominare il famoso Parc Güell di Barcellona. Però probabilmente non saprai che in Toscana, nelle vicinanze del piccolo borgo di Capalbio, c’è un giardino che trae ispirazione proprio dalle opere di Gaudì: Il giardino dei tarocchi. Adornato da splendide sculture che raffigurano i 22 Arcani Maggiori dei Tarocchi, il giardino nasce dalla fantasia dell’artista Niki de Saint Phalle ed è stato realizzato in collaborazione con grandi artisti contemporanei. La surreale ambientazione del giardino dove l’opera dell’uomo e quella della natura si incontrano, le grandi statue adornate di specchi e ceramiche ti faranno perdere in questo caleidoscopio di colori in grado di far volare con la fantasia gli adulti e strabiliare i bambini.

Civita di Bagnoregio

Anche conosciuto come “La città che muore” a causa del fenomeno di erosione che ne minaccia l’esistenza, questo borgo medievale in provincia di Viterbo edificato sulla cima di una rupe e raggiungibile solo a piedi, è considerato tra i più belli d’Italia. Una volta raggiunto il paese potrai ammirare i pittoreschi scorci, deliziarvi presso le trattorie locali e poi rimanere senza fiato alla vista del paesaggio carsico della circostante Vallata dei Calanchi.

Bomarzo – il Parco dei Mostri

Il parco di Bomarzo è conosciuto anche come il Sacro Bosco, data l’abbondanza di sculture di basalto raffiguranti animali mitologici, mostri e divinità che lo adornano. Risalente al XVI secolo, si estende all’interno di una foresta di 3 ettari e ospita edifici ispirati all’architettura classica o che, come la Casa Pendente, stravolgono le regole prospettiche e disorientano i visitatori. Se vuoi passare una giornata a contatto con la natura e scoprire un affascinante labirinto di simboli tutto da interpretare, Bomarzo è un luogo pervaso da un’atmosfera fantastica da non perdere assolutamente.

Il giardino di Ninfa

Il giardino di Ninfa è uno dei parchi privati più belli della nostra penisola di cui forse non avete mai sentito parlare. Chi l’ha visitato lo definisce un vero proprio paradiso terrestre, in particolar modo durante la fioritura primaverile. Non è un caso infatti che questa oasi naturale in provincia di Latina sia stata una meta visitata da esponenti del mondo letterario come Virginia Woolf, Truman Capote, Ungaretti e Moravia, che qui hanno trovato ispirazione per le loro opere. Questo meraviglioso parco è ornato da una ricchissima vegetazione e include pittoresche rovine situate nell’area dell’ormai scomparsa cittadina medioevale di Ninfa.

Rocca Calascio

All’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso, a un’altezza di 1.460 metri, sorge una delle rocche più elevate d’Italia: Rocca Calascio. Il castello, adagiato sul crinale della montagna, domina la valle del Tirino e l’altopiano di Navelli, e la vista a 360° che si può ammirare da qui è semplicemente mozzafiato: non è un caso infatti che sia stata scelta come set di alcuni film di grande successo come “Lady Hawke” e “Il nome della rosa”, di cui in queste zone furono girati gli esterni. La rocca, dopo essere stata abbandonata nel corso del XX secolo assieme all’antico borgo medievale sottostante, è stata ristrutturata negli anni ‘80 e oggi è visitabile gratuitamente.

Sant’Agata de’ Goti

In provincia di Benevento c’è uno splendido borgo conosciuto anche come la “Perla del Sannio”, che grazie alla sua peculiare bellezza è stato spesso utilizzato come set cinematografico per film e cortometraggi italiani. Fai un tuffo nel passato visitando lo splendido centro storico perfettamente conservato, e dopo aver degustato gli eccellenti vini di queste zone, come l’Aglianico e il Falanghina, fate una passeggiata presso il Ponte sul Martorano: da qui potrete ammirare un tramonto stupendo che accende di colori le case costruite a strapiombo sul costone di roccia.

Le rocce rosse di Arbatax

La Sardegna è una destinazione che chiunque dovrebbe visitare almeno una volta nella vita e se possibile esplorare in lungo e in largo: offre incredibili spiagge di ogni tipo, acque cristalline e panorami indimenticabili, oltre a una deliziosa offerta gastronomica.
In aggiunta alle località balneari più famose, fate tappa nella provincia dell’Ogliastra e ammirate il suggestivo panorama delle rocce di porfido rosso che si stagliano contro l’azzurro del cielo e il mare dai riflessi smeraldo: sono situate a poca distanza dal porto di Arbatax e il panorama che vi si presenterà all’alba al momento dell’attracco ti farà innamorare all’istante di questa terra.


Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo! E se vuoi leggere anche la mia lista sulle spiagge più belle d’Italia, clicca qui!

Conosci altre perle nascoste in Italia? Condividile con noi lasciando un commento qui sotto!